Index   Back Top Print


EPISTOLA
OPTIMUM SANE
DEL PAPA BENEDETTO XV
ALL’EMINENTISSIMO CARDINALE PRESBITERO
CARLO GIUSEPPE SCHULTE,
ARCIVESCOVO DI COLONIA,
 IN OCCASIONE DELLA FONDAZIONE
DI UN ISTITUTO CATTOLICO DI FILOSOFIA

 

Diletto Figlio Nostro,
salute e Apostolica Benedizione.

Come abbiamo appreso dalla tua cortese lettera, con l’approvazione dell’assemblea dei Vescovi riuniti a Fulda hai recentemente preso un’ottima decisione: di fondare, cioè, in Colonia Agrippina un Istituto affinché la filosofia sia più degnamente onorata. Invero, nulla può essere più salutare o più opportuno della fondazione di Istituti di vera scienza, ossia di filosofia, dove non solo si trasmette una solida e sicura dottrina ma si espongono anche tutte quelle nozioni che concernono le supreme ragioni della verità e del bene in modo che siano giustamente risolti i vari problemi che si vanno imponendo con successione perpetua. Per la verità, la filosofia che meritamente occupa il primo posto presso i cattolici è la così detta Scolastica la quale, coltivata da santi Dottori, fu innalzata dall’ingegno dell’Aquinate a tale apice di perfezione che non può assurgere a maggiore altezza. In proposito, i Romani Pontefici hanno formulato precise prescrizioni che poi furono inserite nel Codice di diritto canonico. Infatti, anche tra i più eminenti tedeschi, molti, come Ci è noto, già da tempo ritengono che la Scolastica, a buon diritto definita come « filosofia del senso comune », debba essere restituita alla sua antica dignità, affinché, riemergendo dall’oblio e dal disprezzo, possa rettamente plasmare e formare non solo le menti dei chierici, ma anche di coloro che ricoprono incarichi civili. Tale affermazione è sicuramente vera; infatti lo studio della Scolastica, oltre ad essere quasi un ingresso alla sacra teologia, contribuisce validamente al progresso delle scienze umane, propone princìpi su cui queste si reggono, offrendo e fornendo ad esse le fondamenta su cui poggiano.

Pertanto Noi, nel lodare la magnifica solerzia di codesto Episcopato, vivamente desideriamo che sorga quanto prima l’Istituto Cattolico di filosofia e che lo si riporti allo splendore dell’antica Università degli studi, all’epoca in cui due luminari di dottrina insegnavano filosofia a Colonia: Alberto Magno e il sommo Aquinate. Per questa iniziativa Noi stessi mettiamo volentieri a disposizione una certa somma di danaro; e confidiamo che in Germania tutti gli onesti che hanno sempre ben meritato dalla Chiesa, vorranno anche ora contribuire generosamente a codesta opera, a cui si collega un grande vantaggio per i cattolici e per la società civile. 

Auspice di doni divini e quale testimonianza della Nostra paterna benevolenza, a te, diletto Figlio Nostro, a ogni Vescovo di Germania e a tutti coloro che in ogni modo si adopreranno per condurre a termine l’impresa, con effusione d’animo impartiamo l’Apostolica Benedizione.

Dato a Roma, presso San Pietro, il 29 giugno 1921, nella festività dei Principi degli Apostoli, nel settimo anno del Nostro Pontificato.

 

BENEDICTUS PP. XV


Copyright © Libreria Editrice Vaticana

 



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana