Index   Back Top Print


GIOVANNI PAOLO II
  
UDIENZA GENERALE

Mercoledì, 23 Dicembre 1998

 

1. "O Emmanuele, Dio-con-noi, attesa dei popoli e loro liberatore: vieni a salvarci con la tua presenza".

Così la Liturgia ci invita ad invocare il Signore quest'oggi, antivigilia del Santo Natale, mentre l'Avvento si avvia ormai al suo termine.

Abbiamo rivissuto in queste settimane l'attesa d'Israele, testimoniata in tante pagine dei Profeti: "Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse" (Is 9,1-2). Mediante l'incarnazione del Verbo, il Creatore ha siglato con gli uomini un patto di eterna Alleanza: "Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia ma abbia la vita eterna" (Gv 3,16).

Come non essere riconoscenti al Padre che dona il proprio Figlio, il prediletto nel quale si compiace (cfr Mt 3,17), ponendo nell’angusto grembo di una creatura colui che l’universo intero non può contenere?

2. Nel silenzio della Notte Santa, il mistero della divina maternità di Maria rivela il volto luminoso ed accogliente del Padre. I suoi tratti di tenera trepidazione verso i poveri e i peccatori sono già delineati nell'inerme Bimbo che giace nella grotta fra le braccia della Vergine Madre.

Carissimi Fratelli e Sorelle, formulo per ciascuno di voi e per i vostri cari fervidi auguri di un felice e santo Natale. Possa la luce del Redentore, che viene a svelarci il volto tenero e misericordioso del Padre, risplendere nella vita di tutti i credenti e recare nel mondo il dono della pace divina.


Saluti

Je salue très cordialement les pèlerins de langue française qui sont présents à cette audience, notamment les groupes de jeunes. À la veille de la fête de Noël, je leur souhaite de bien accueillir le Seigneur, qui s'est fait homme pour notre salut.

À chacun d'entre vous, mes chers amis, je donne de grand cœur ma Bénédiction apostolique.
  

Dear Brothers and Sisters,

As the holy night of Christmas approaches, I pray that the angels’ song of peace and goodwill may find a response in the hearts of men and women everywhere.

I extend a special greeting to the students from Saint Paul Seminary in Minnesota and their families. Upon all the English-speaking pilgrims, especially those from Japan and the United States, I invoke an abundance of grace and joy in the Newborn Lord. Happy Christmas to everyone and a Blessed New Year!
   

Liebe Schwestern und Brüder!
"O Gott mit uns, Immanuel.
Du Fürst des Hauses Israel,
o Hoffnung aller Völker du:
komm, führ uns deinem Frieden zu".

Mit diesen Worten erbittet die Kirche heute die Ankunft des Herrn. Wir stimmen in dieses Gebet ein und erflehen das Kommen des Friedensfürsten. Von Herzen wünsche ich Euch ein friedvolles Weihnachtsfest im Kreise Eurer Lieben. Der Segen, der von der Krippe ausgeht, möge hinüberstrahlen ins Neue Jahr. Dazu erteile ich Euch und allen, die über Radio und Fernsehen mit uns verbunden sind, den Apostolischen Segen.
   

Queridos hermanos y hermanas,

Dentro de unos días celebraremos la Navidad, fiesta entrañable para los cristianos y que forma parte del patrimonio religioso y cultural de todos. En estos días se manifiestan los más nobles sentimientos que anidan en el corazón humano, creando ese ambiente de alegría y gozo, de bondad y solidaridad, tradicional de estas fechas.

Que en estas fiestas, la fe en Jesucristo, el único Salvador de los hombres, os aliente a vivir más intensamente el amor en las familias, en los pueblos y en las naciones, hasta extenderse al mundo entero. Os deseo a todos una Santa y Feliz Navidad, así como un nuevo año, lleno de gozo y de las bendiciones de Dios, Padre de bondad y misericordia.
   

Aos peregrinos de língua portuguesa,

Desejo um Santo Natal, portador das consolações e graças do Deus Menino: nos vossos corações, famílias e comunidades, resplandeça a luz do Redentor, que nos revela o rosto terno e misericordioso do Pai celeste. Em seu Nome, vos abençoo, com votos de um Ano Novo sereno e feliz para todos.

   

Traduzione italiana del saluto in lingua neerlandese

Un cordiale saluto a tutti i pellegrini neerlandesi e belgi!

Auguro che questi ultimi giorni dell’Avvento vi preparino in un modo intenso al mistero della venuta del Salvatore.

Di cuore imparto la Benedizione Apostolica.

   

Traduzione italiana del saluto in lingua slovacca

Cordialmente saluto i pellegrini slovacchi, soprattutto i Messaggeri della luce di Betlemme da Bratislava.

Cari fratelli e sorelle, siete messaggeri della Luce - Cristo, nato dalla Vergine Maria. Alle soglie del nuovo Millennio del cristianesimo sia questo Natale, la Festa della Natività del Signore, anche per la Slovacchia un’occasione per rafforzare la fede in Dio Padre che è nei cieli.

Vi benedico di cuore.

Sia lodato Gesù Cristo!
 

Pubblichiamo di seguito il saluto che il Santo Padre Giovanni Paolo II ha rivolto ai suoi Connazionali, ricevuti nel corso dell’Udienza Generale di questa mattina per i tradizionali auguri natalizi:

Drodzy Rodacy,

1. Witam was serdecznie obecnych na tej audiencji. Jest to zarazem nasze tradycyjne spotkanie wigilijne. Lacze sie duchowo w tej chwili takze z moimi Rodakami w Kraju i na calym swiecie. Dziekuje wszystkim, którzy uczestnicza w tym spotkaniu i obejmuje moja modlitwa cala nasza Ojczyzne.

2. «Tak bowiem Bóg umilowal swiat, ze Syna swego Jednorodzonego dal» (J 3, 16). Zatrzymajmy sie w skupieniu nad tymi slowami z Ewangelii sw. Jana. Mówia one bowiem o niezmierzonej milosci Boga do czlowieka, a zarazem o wielkosci i godnosci samego czlowieka. Hojnosc Boga okazywana od samego poczatku stworzenia osiaga swój zenit w Jezusie Chrystusie. Bóg stal sie czlowiekiem i narodzil sie z Dziewicy bezbronny, owiniety w pieluszki i polozony w zlobie, bo nie bylo dla Niego miejsca w ludzkim domu. «Ogolocil samego siebie, jak pisze sw. Pawel, przyjawszy postac slugi, stawszy sie podobnym do ludzi» (Flp 2,7). Nigdy nie zrozumiemy w pelni tej tajemnicy unizenia posunietego do granic ostatecznosci. W tym wydarzeniu tak dobrze nam znanym z Ewangelii Bóg wszedl w dzieje czlowieka i pozostanie z nim do konca. Z Betlejem plynie od dwóch tysiecy lat na caly swiat wielkie Oredzie milosci i pojednania.

3. Narodzenie Syna Bozego ukazuje nam takze gleboka prawde o czlowieku. W Chrystusie, i to wlasnie w Nim czlowiek w pelni odkrywa swoje najwyzsze powolanie. Jezeli Bóg tak umilowal swiat, ze Syna swego Jednorodzonego dal to dlatego, zebysmy mieli «zycie wieczne», abysmy juz nie kroczyli w ciemnosciach, ale przyjeli swiatlosc. Jakze trafnie streszcza te prawde nasza polska koleda: «Z nieba wysokiego Bóg zstapil na ziemie, azeby do nieba wywiódl ludzkie plemie». On przychodzac na swiat w ubóstwie, chcial nas obdarzyc swoim bogactwem i uczynil nas dziecmi Bozymi. Przyjal ludzka nature, aby stac sie do nas podobnym, aby zjednoczyc sie jakos z kazdym czlowiekiem i stac sie prawdziwie jednym z nas (por. Gaudium et spes, 22).

4. Jutro, w wigilijny wieczór, bedziemy lamac sie oplatkiem z naszymi najblizszymi. Niech ten piekny zwyczaj przyblizy nas do siebie i rozszerzy nasze serca. Dzielac sie wigilijnym oplatkiem, tym chlebem, który jest darem Boga i owocem pracy ludzkich rak, otwórzmy sie ku sobie nawzajem, otwórzmy sie szeroko na drugiego czlowieka, zwlaszcza na tych naszych braci, którzy sa samotni, zapomniani, albo zyja w niedostatku, a moze w biedzie, na tych, którzy pozbawieni sa domu czy pracy. Niech ta Wigilia stanie sie prawdziwa «uczta milosci».

Wpatrujmy sie w Boze Dziecie - Zbawiciela swiata, uczmy sie od Niego milosci, dobroci i wrazliwosci. Uczmy sie odpowiedzialnosci za losy kazdego czlowieka i za kazde ludzkie zycie. Tego zycze u progu Wielkiego Jubileuszu Roku 2000 wam tu obecnym wraz z Ksiedzem Arcybiskupem Szczepanem Wesolym, Panem Ambasadorem Rzeczypospolitej Polskiej przy Stolicy Apostolskiej i wszystkim moim Rodakom na calym swiecie. Tymi zyczeniami obejmuje równiez caly Kosciól w Polsce, biskupów z ksiedzem Prymasem na czele, kaplanów, osoby konsekrowane, parafie, diecezje i wszystkich, nie wylaczajac nikogo. Pragne, aby te zyczenia dotarly do kazdego domu i do kazdej rodziny, do wszystkich ludzi dobrej woli.

(Traduzione in lingua italiana)

Cari Connazionali,

1. Do il mio cordiale benvenuto a voi presenti a questa udienza. Allo stesso tempo essa è il nostro tradizionale incontro della Vigilia di Natale. Mi unisco spiritualmente in questo momento anche ai miei Connazionali in Patria e in tutto il mondo. Ringrazio tutti coloro che prendono parte a questo incontro e abbraccio con la mia preghiera tutta la nostra Patria.

2. "Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito" (Gv 3,16). Soffermiamoci in raccoglimento su queste parole del Vangelo di S. Giovanni. Esse infatti parlano non soltanto dello sconfinato amore di Dio per l'uomo, ma insieme della grandezza e della dignità dell'uomo stesso. La larghezza di Dio manifestata sin dall'inizio stesso della creazione raggiunge il suo culmine in Gesù Cristo. Dio si è fatto uomo e nacque dalla Vergine indifeso, avvolto in fasce e deposto in una mangiatoia, poiché per lui non c'era posto in una casa umana. "Spogliò se stesso, - come scrive S. Paolo - assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini" (Fil 2,7). Mai comprenderemo pienamente questo mistero di umiliazione estrema. In questo evento, che conosciamo così bene dal Vangelo, Dio entrò nella storia dell'uomo e rimarrà con lui fino alla fine. Da duemila anni da Betlemme si diffonde in tutto il mondo il grande Messaggio d'amore e di riconciliazione.

3. La nascita del Figlio di Dio ci mostra anche la profonda verità sull'uomo. In Cristo, proprio in Lui l'uomo scopre la sua altissima vocazione. Se Dio ha tanto amato il mondo, da dare il suo Figlio unigenito, lo fece perché noi avessimo "la vita eterna", perché non camminassimo più nelle tenebre, ma accogliessimo la luce. Come riassume bene questa verità un nostro canto natalizio polacco: "Dio dall'alto cielo è sceso sulla terra per condurre al cielo il genere umano". Venendo al mondo nella povertà, volle elargire a noi la sua ricchezza e fece di noi figli di Dio. Assunse la natura umana, per rendersi simile a noi, per unirsi in certo modo ad ogni uomo e diventare veramente uno di noi (cfr. Gaudium et spes).

4. Domani, la sera della Vigilia, spezzeremo con i nostri cari il pane bianco di Natale. Che questa bella usanza ci avvicini reciprocamente e dilati i nostri cuori. Spezzando questo pane bianco di Natale, il pane che è dono di Dio e frutto del lavoro delle mani dell'uomo, apriamoci gli uni agli altri, apriamoci largamente ad un altro uomo, specialmente a quei nostri fratelli, che sono soli, dimenticati o che vivono nell'indigenza, e forse nella miseria, a coloro che sono privi di casa o di lavoro. Che questa cena della Vigilia diventi un vero "banchetto d'amore".

Fissiamo con lo sguardo il Divino Bambino - Salvatore del mondo, impariamo da Lui l'amore, la bontà e la sensibilità. Apprendiamo la responsabilità per le sorti di ogni uomo e di ogni vita umana. Auguro questo alla soglia del Grande Giubileo dell'Anno 2000 a coloro che sono qui presenti, insieme all' Arcivescovo Szczepan Wesoly, al Signor Ambasciatore della Repubblica della Polonia presso la Santa Sede e a tuttti i miei Connazionali in tutto il mondo. Con questi auguri abbraccio anche tutta la Chiesa in Polonia, i Vescovi insieme con il Cardinale Primate, i sacerdoti, i consacrati, le parrocchie, le diocesi, tutti - nessuno escluso. Vorrei che questi miei auguri raggiungessero ogni casa e ogni famiglia, tutti gli uomini di buona volontà.

* * *

L'inconfondibile clima di serena attesa, caratteristico di questi giorni prossimi alla festa che celebra la venuta di Dio fra gli uomini, arricchisce di particolare significato l'odierna Udienza. In questa circostanza, mi è gradito salutare con grande affetto i fedeli dell'Arcidiocesi di Bari-Bitonto e quelli della Parrocchia di Cristo Redentore in Recanati, e tutti i pellegrini di lingua italiana, esortandoli a rendere più intenso in questi giorni l'impegno di preghiera e di opere buone. Carissimi, il Natale riempia i vostri cuori della gioia che solo Cristo può dare.

Un saluto speciale rivolgo ai giovani, agli ammalati e agli sposi novelli.

Cari giovani, possiate accostarvi al mistero di Betlemme con gli stessi sentimenti di fede e di umiltà che furono di Maria; sia dato a voi, cari ammalati, di attingere dal presepe quella gioia e quell'intima pace che Gesù viene a portare nel mondo; e voi, cari sposi novelli, vogliate contemplare con assiduità l'esempio della santa Famiglia di Nazaret, per improntare alle virtù in essa praticate il cammino di vita familiare da poco iniziato.

A tutti auguro un santo Natale ricolmo di ogni bene e di cuore imparto la Benedizione Apostolica.

gni bene e di cuore imparto la Benedizione Apostolica.

    



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana