Index   Back Top Print


GIOVANNI PAOLO II

UDIENZA GENERALE

Mercoledì, 19 gennaio 2005

 

Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani

1. Ha avuto inizio ieri la "Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani". Si tratta di giorni di riflessione e di preghiera, quanto mai opportuni per ricordare ai cristiani che il ristabilimento della piena unità tra di loro, secondo la volontà di Gesù, impegna ogni battezzato, pastori e fedeli tutti (cfr Unitatis redintegratio, 5).

La "Settimana" si svolge a qualche mese dal quarantesimo anniversario della promulgazione del Decreto del Concilio Vaticano II Unitatis redintegratio, testo chiave che ha posto la Chiesa cattolica fermamente ed irrevocabilmente nel solco del movimento ecumenico.

2. Quest'anno, il tema ci pone di fronte ad una verità basilare per ogni impegno ecumenico, e cioè che Cristo è il fondamento della Chiesa. Il Concilio ha fortemente raccomandato la preghiera per l’unità quale anima di tutto il movimento ecumenico (cfr Unitatis redintegratio, 8). Poiché la riconciliazione dei cristiani "supera le forze e le doti umane" (ibid., 24), la preghiera dà espressione alla speranza che non delude, alla fiducia nel Signore che fa nuova ogni cosa (cfr Rm 5,5; Ap 21,5). Ma la preghiera deve essere accompagnata dalla purificazione della mente, dei sentimenti, della memoria. Diviene così espressione di quell’"interiore conversione", senza la quale non c’è vero ecumenismo (cfr ibid., 7). In definitiva, l’unità è un dono di Dio, dono da implorare senza stancarsi con umiltà e verità.

3. Il desiderio dell'unità va estendendosi e si approfondisce toccando ambienti e contesti nuovi, suscitando fervore di opere, iniziative, riflessioni. Anche recentemente il Signore ha concesso ai suoi discepoli di realizzare importanti contatti di dialogo e di collaborazione. Il dolore della separazione si fa sentire con sempre più viva intensità, davanti alle sfide di un mondo che attende una testimonianza evangelica chiara e unanime da parte di tutti i credenti in Cristo.

4. Come di consueto, a Roma la "Settimana" si concluderà con la celebrazione dei Vespri, il 25 gennaio, nella Basilica di San Paolo fuori le Mura. Ringrazio il Signor Cardinale Walter Kasper che mi rappresenterà in tale incontro liturgico, al quale prenderanno parte rappresentanti di altre Chiese e Confessioni cristiane. Io mi unirò spiritualmente, e chiedo anche a voi di pregare perché l’intera famiglia dei credenti possa raggiungere quanto prima la piena comunione voluta da Cristo.


Saluti:

Je salue cordialement les pèlerins francophones présents ce matin, notamment les jeunes de l’École catholique Rocroy Saint-Léon, de Paris, et les Artisans de la fête. Puisse votre pèlerinage à Rome affermir votre désir de travailler à la recherche de l’unité!

I offer a warm welcome to all the English-speaking pilgrims and visitors present at today’s Audience. I greet particularly the members of the Servite Secular Institute and the groups from Scotland, Finland, Australia and the United States of America. Wishing you a pleasant and fruitful stay in Rome, I cordially invoke upon you the joy and peace of our Lord Jesus Christ.

I wish you all a happy New Year!

Einen glaubensfrohen Gruß richte ich an die Pilger und Besucher deutscher Sprache. Beten wir darum, daß die Familie der Christen bald wieder zusammenfindet. Die Wahrheit macht frei und ist das Fundament der Einheit. Der Heilige Geist stärke und führe euer Streben nach Einheit.

Saludo cordialmente a los peregrinos de España y América Latina, especialmente a los de Aragón, a los de la Universidad La Salle de México y a la Scuola Italiana de Montevideo ¡Rezad para que toda la familia de los creyentes pueda alcanzar cuanto antes la plena comunión querida por Cristo! ¡Gracias!

Saluto in lingua polacca:

Wczoraj rozpoczął się „Tydzień modlitw o jedność Chrześcijan". Modlitwa ekumeniczna to zadanie wszystkich ochrzczonych: pasterzy i wiernych. Tematem tego "Tygodnia" jest Chrystus, który jest fundamentem jedności Kościoła. Nalezy się cieszyć, że pragnienie jedności ciągle się pogłębia poprzez nowe dzieła i inicjatywy. Chrystus nieustannie zachęca swoich uczniów do dialogu i współpracy. W Bazylice Św. Pawła za Murami, 25 bm., na zakończenie „Tygodnia modlitw" liturgii Nieszporów będzie przewodniczył mój przedstawiciel, Ksiądz Kardynał Walter Kasper. Łącząc się duchowo z uczestnikami tego wydarzenia, już dzisiaj proszę o modlitwę, aby wszyscy wierzący jak najszybciej mogli osiągnąc pełną jedność, o którą prosił Chrystus.

Witam serdecznie obecnych tu moich Rodaków, a także wszystkich w Ojczyźnie i w świecie. Dziś pozdrawiam szczególnie pielgrzymkę z Mszany Dolnej, Orkiestrę i Chór Straży Pożarnej.
Uczestnikom spotkań ekumenicznych w Polsce życzę obitych owoców wspólnej modlitwy i refleksji. Prośmy Boga o dar wzajemnego zrozumienia i jedności. Niech będzie pochwalony Jezus Chrystus.

Traduzione italiana del saluto in lingua polacca:

Ieri è iniziata la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani. La preghiera ecumenica è compito di ogni battezzato: dei pastori e dei fedeli. Il tema della "Settimana" è Cristo come il fondamento dell’unità della Chiesa. Il desiderio dell’unità si approfondisce costantemente attraverso le nuove opere e le nuove iniziative. Cristo esorta costantemente i suoi discepoli al dialogo e alla cooperazione. Il 25 p.v., nella Basilica San Paolo Fuori le Mura, la chiusura della "Settimana" la liturgia dei Vespri sarà presieduta dal mio rappresentante S.E. il Signor Cardinale Walter Kasper. Unendomi spiritualmente con i partecipanti a quell’evento chiedo la preghiera affinché tutti i credenti possano raggiungere quanto prima la piena unità che Cristo voleva per noi.

Rivolgo il mio cordiale benvenuto ai miei connazionali qui presenti, come pure a quelli in Polonia e nel mondo. Oggi saluto in modo particolare il pellegrinaggio di Mszana Dolna, la Banda e il Coro dei Vigili di Fuoco.

A coloro che in Polonia partecipano agli incontri ecumenici, auguro che dalla comune preghiera e dalla riflessione possano maturare abbondanti frutti. Preghiamo Dio per ottenere il dono della reciproca comprensione e dell’unità. Sia lodato Gesù Cristo.

***

Rivolgo un particolare pensiero al Patriarca di Cilicia degli Armeni, Sua Beatitudine Nerses Bedros XIX, e agli altri Vescovi che lo accompagnano.

Saluto poi i pellegrini di lingua italiana, in particolare, i soci dei Lions Clubs della Puglia, e i rappresentanti del Circolo didattico di Somma Vesuviana, qui convenuti con l’Arcivescovo di Nola.

Saluto inoltre i sacerdoti, seminaristi e laici del Cammino neocatecumenale. Carissimi, vi ringrazio per il vostro generoso impegno per la nuova evangelizzazione. Auspico che le riflessioni di questi giorni vi aiutino ad approfondire, con animo docile, la comunione sia con i Pastori delle Chiese locali, sia con i competenti Organismi della Santa Sede. Potrete così offrire un sempre più efficace apporto alla causa del Vangelo.

Il mio pensiero va infine ai giovani, ai malati e agli sposi novelli. Tutti vi affido alla materna protezione della Vergine Maria.



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana