Index   Back Top Print

[ IT ]

DISCORSO DI PAOLO VI
AGLI ALLIEVI DELLE SCUOLE CENTRALI ANTINCENDI

Mercoledì, 25 giugno 1969

 

Vogliamo esprimere la Nostra letizia per questo incontro, per quanto breve, con voi, Allievi Ufficiali, Allievi Vigili Ausiliari e Marinai, Ufficiali e Sottufficiali delle Scuole Centrali Antincendi, che, alla conclusione del corso di preparazione, siete venuti - accompagnati dai vostri Superiori e dal vostro Cappellano - presso il Successore di Pietro, al fine di riceverne una parola di incoraggiamento e di benedizione.

Desideriamo sinceramente manifestare il Nostro compiacimento di trovarCi alla presenza di una folta schiera di giovani, i quali sono destinati ad un impegno, che rappresenta un vero servizio alla comunità, per quei momenti di pericolo o di calamità, che possono minacciare le persone e le cose dei concittadini.

Al servizio della sicurezza civile voi avete posto la vostra forte giovinezza, il vostro entusiasmo, la vostra generosità, in una parola, tutti voi stessi. In terra e in mare, quando, Dio non voglia, ci sarà bisogno della vostra opera, voi saprete essere presenti con quella tempestività e con quello spirito di sacrificio e di dedizione, che vi qualificano, a portare aiuto, sollievo, conforto.

Non possiamo in questo momento non ricordare, e lo facciamo con commozione, gli atti, talvolta, di vero eroismo, altamente meritori dinanzi agli uomini, ma più dinanzi a Dio, compiuti in tempi recenti dai vostri colleghi, in luttuose circostanze di alluvioni e terremoti, che hanno colpito alcune regioni d’Italia.

Per tutto questo la società vi deve essere particolarmente grata, e voi meriterete sempre più questo riconoscimento se porterete, nella vostra attività, una profonda coscienza umana e cristiana, convinti che, aiutare nel bisogno e nel pericolo un fratello, è espressione e testimonianza di quella carità che è il segno distintivo di coloro che vogliono essere veramente cristiani (cfr. Io. 13, 34-35).

Mentre auspichiamo che questa vostra opera di pace vi dia la convinzione - come afferma il Concilio - di cooperare fraternamente al servizio della famiglia umana (cfr. Cast. Past. Gaudium et spes, n. 92), invochiamo sulle vostre persone l’amorosa e paterna protezione di Dio e di cuore impartiamo a voi, alle vostre famiglie, ai vostri cari, ai vostri Superiori l’Apostolica Benedizione.



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana