Index   Back Top Print


LETTERA DI SUA SANTITÀ PIO XII
AL CARDINALE ARCIVESCOVO DI TORINO.*

 

AL DILETTO FIGLIO NOSTRO IL CARDINALE MAURILIO FOSSATI
ARCIVESCOVO DI TORINO

Le notizie che da te Ci sono inviate con cuore di Padre e di Pastore gonfio di amarezza, Ci conducono — addolorati Noi stessi nel più profondo dell'animo — tra le rovine, i lutti e le lacrime di cui la guerra ha riempito in questi giorni la nobile ed operosa Torino, per tanti titoli città a Noi carissima.

Mentre però Ci attristiamo sul tuo dolore e su quello dei tuoi figli, Ci solleva la certezza che la fede e la pietà tradizionali dei Torinesi, se sono duramente provate, non vengono meno tuttavia a se stesse; e, guardando a Dio, misericordioso e buono, anch'essi, soprattutto nell'ora della prova, da Lui sapranno aspettare la grazia che fa dei nostri mali motivo di purificazione e di santificazione in Gesù Cristo.

In quanto a Noi, continueremo a mettere in opera ogni mezzo in Nostro potere per deprecare da tutti i figli Nostri l'aggravarsi delle pubbliche sofferenze; e non cesseremo di elevare al Signore le più ardenti suppliche perchè abbrevi la prova, e tutti e tutto riconduca nell'ordine e nella pace.

Intanto vogliamo assicurare te e i tuoi figli che il Nostro pensiero e il Nostro cuore sono intensamente con voi. E mentre non dubitiamo che nella pubblica calamità vorrà essere più atdente e fiduciosa la preghiera di tutti, invochiamo di gran cuore presente e soccorritrice la Vergine benedetta a cui Torino è devota; e impartiamo di cuore a te, diletto Figlio Nostro, al Clero e all'intero gregge affidato alle tue cure, l'Apostolica Benedizione.

Dal Vaticano, 30 novembre 1942.

PIUS PP. XII


*Discorsi e Radiomessaggi di Sua Santità Pio XII, IV,
  Quarto anno di Pontificato, 2 marzo 1942 - 1° marzo 1943, pp. 461-462
  Tipografia Poliglotta Vaticana

 



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana