Index   Back Top Print


PREGHIERA DI SUA SANTITÀ PIO XII
IN PREPARAZIONE AL XV CONGRESSO
EUCARISTICO ITALIANO A LECCE*
 


O dolcissimo Gesù, che, nascosto sotto i veli eucaristici, ascolti pietoso le nostre umili suppliche, per presentarle al trono dell'Altissimo, accogli ora benignamente gli ardenti aneliti dei nostri cuori, che bramano di vederTi pubblicamente e solennemente glorificato nel nostro prossimo Congresso Eucaristico Nazionale, quasi traboccante emanazione di un amore germogliato, cresciuto, e maturato al calore dell'amor tuo.

Illumina le nostre intelligenze, sorreggi le nostre volontà, rinvigorisci la nostra costanza e accendi nei nostri petti la fiamma di un santo entusiasmo, affinché, superando la nostra piccolezza e vincendo ogni difficoltà, sappiamo renderTi un omaggio meno indegno della tua grandezza e della tua maestà, più adeguato alle nostre ansie e ai nostri santi desideri.

Fa, o Signore, che le prossime celebrazioni siano pegno del tuo trionfo nelle anime dei tuoi figli del Salento e dell'Italia tutta, mediante la tua grazia e l'impero soavissimo della tua volontà.

Trionfa nelle famiglie, con la purezza del consorzio coniugale, con la vita cristiana santificata dalla preghiera comune, nel buon esempio, nella diligenza e nell'autorità dei genitori, nella semplice e amorosa docilità dei figli.

Trionfa, o Re dei secoli e delle nazioni, nella pubblica società, nei suoi costumi e nelle sue leggi, nelle sue più umili organizzazioni come nei suoi più alti Consigli, nelle relazioni fra le sue diverse categorie, nel modesto e tranquillo villaggio come nella città rumorosa ed altera.

E Tu, o Maria, Regina dei Cieli e della terra, e Madre nostra tenerissima; voi, o Angeli, Santi e Sante, patroni di questa città, dell'Italia e dei Congressi Eucaristici; presentate al Padre celeste le nostre orazioni e arricchitele con le preghiere vostre, affinché il futuro Congresso sia per il diletto popolo italiano inizio di una era felice, nella quale, sormontate le divisioni e gli odi, definitivamente curate le antiche ferite, dimenticati gli aggravi e le offese, riconciliati gli animi, regnino la concordia cristiana, la carità di Cristo, il mutuo amore fraterno e la pace. Così sia!

 

PIUS PP. XII


*Discorsi e Radiomessaggi di Sua Santità Pio XII, XVI,
Sedicesimo anno di Pontificato, 2 marzo 1954 - 1° marzo 1955, pp. 503-504 - Tipografia Poliglotta Vaticana

 



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana