Index   Back Top Print

[ ES  - IT ]

GIOVANNI PAOLO II

UDIENZA GENERALE

Mercoledì, 8 giugno 1994

 

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. Dopodomani ricorre la Solennità del Sacro Cuore di Gesù. È una festa liturgica dalla quale s’irraggia una peculiare tonalità spirituale su tutto il mese di giugno. È importante che nei fedeli resti viva la sensibilità per il messaggio che ne promana: nel Cuore di Cristo l’amore di Dio s’è fatto incontro all’intera umanità.

Si tratta di un messaggio che è, ai nostri giorni, di straordinaria attualità. L’uomo contemporaneo, infatti, si trova spesso frastornato, diviso, quasi privo di un principio interiore che crei unità ed armonia nel suo essere e nel suo agire. Modelli di comportamento purtroppo assai diffusi ne esasperano la dimensione razionale-tecnologica o, all’opposto, quella istintuale, mentre il centro della persona non è né la pura ragione, né il puro istinto. Il centro della persona è quello che la Bibbia chiama il “cuore”.

Alla fine del ventesimo secolo, sembra ormai superata l’incredulità di stampo illuministico, che ha dominato per tanto tempo. Le persone provano una forte nostalgia di Dio, ma hanno come smarrito la strada dell’interiore santuario in cui ospitarne la presenza: quel santuario è appunto il cuore, dove la libertà e l’intelligenza si incontrano con l’amore del Padre che è nei cieli.

Il Cuore di Cristo è la sede universale della comunione con Dio Padre, è la sede dello Spirito Santo. Per conoscere Dio, bisogna conoscere Gesù e vivere in sintonia col suo Cuore, amando, come Lui, Dio e il prossimo.

2. La devozione al Sacro Cuore, così come si è sviluppata nell’Europa di due secoli fa, sotto l’impulso delle esperienze mistiche di Santa Margherita Maria Alacoque, è stata la risposta al rigorismo giansenista, che aveva finito per misconoscere l’infinita misericordia di Dio. Oggi, all’umanità appiattita su una sola dimensione o, addirittura, tentata di cedere a forme di nichilismo se non teorico certamente pratico, la devozione al Cuore di Gesù offre una proposta di autentica ed armoniosa pienezza nella prospettiva della speranza che non delude.

Circa un secolo fa, un noto pensatore denunciò la “morte di Dio”. Ebbene, proprio dal Cuore del Figlio di Dio, morto sulla croce, è scaturita la fonte perenne della vita che dona speranza ad ogni uomo. Dal Cuore di Cristo crocifisso nasce la nuova umanità, redenta dal peccato. L’uomo del Duemila ha bisogno del Cuore di Cristo per conoscere Dio e per conoscere se stesso; ne ha bisogno per costruire la civiltà dell’amore.

Vi invito perciò, carissimi Fratelli e Sorelle, a guardare con fiducia al Sacro Cuore di Gesù e a ripetere spesso, soprattutto durante questo mese di giugno: Cuore sacratissimo di Gesù, confido in Te!


Ai pellegrini di lingua francese

Chers pèlerins de langue française, à deux jours de la fête du Sacré-Cœur, qui doit beaucoup à sainte Marguerite-Marie Alacoque, je vous invite à invoquer avec ferveur le Christ miséricordieux, dont le Cœur est la source éternelle de vie qui fonde notre espérance. Dans son amour rédempteur, que Dieu vous bénisse!

Ai fedeli di lingua inglese

Dear Brothers and Sisters: On Friday, the Church will celebrate the Solemnity of the Sacred Heart of Jesus, to remind us that the love of God for us has been made present in the world through Jesus Christ. Modern men and women need to rediscover the depths of Christ’s love, so clearly manifested on the Cross, if they are to be healed in their need for interior integrity and harmony. Heart of Jesus, fill us with hope and love!

Ai pellegrini di lingua tedesca

Mein herzlicher Willkommensgruß gilt auch Euch, liebe Schwestern und Brüder aus den deutschsprachigen Ländern.

Am kommenden Freitag feiert die Kirche das Hochfest des Heiligsten Herzens Jesu. Wer Gott erkennen will, muß Jesus erkennen und in Übereinstimmung mit seinem Herzen leben und Gott und den Nächsten so lieben, wie er selbst es getan hat.

Mit diesem Wunsch erteile ich Euch allen meinen Apostolischen Segen.

Ai fedeli di lingua spagnola

¡Sagrado Corazón de Jesús, en Vos confío!

Amadísimos hermanos y hermanas: Con esta ferviente jaculatoria, en este mes dedicado al Corazón de Jesús, deseo saludar a todas las personas, familias y grupos procedentes de los diversos Países de América Latina y de España, presentes en este encuentro.

Os imparto con gran afecto la Bendición Apostólica.

Ai fedeli di lingua portoghese

Queridos peregrinos de língua portuguesa. O homem do Ano Dois Mil tem necessidade do Coração de Jesus para conhecer Deus e conhecer-se a si próprio. É que hoje a gente sente grande fome de Deus, mas não atina com a porta de entrada naquele Santuário interior, onde Deus fixou a sua morada, que é precisamente o coração da pessoa. Essa porta de entrada é o Coração de Cristo aberto pela lança do soldado. Caríssimos Irmãos e Irmãs, sei que achareis a felicidade vossa e a dos vossos, numa consagração sempre renovada àquele Coração Divino que vos ama e abençoa!

Ai fedeli giunti dalla Polonia

Niech będzie pochwalony Jezus Chrystus!

Pozdrowienie dla pielgrzymów z Polski. W szczególności pielgrzymka Sekretariatu Górnictwa i Energetyki NSZZ “Solidarność” z różnych miast Polski - proszą o poświęcenie sztandaru. Z całego serca błogosławię wasze sztandary solidarnościowe. Prócz tego z Borku Fałęckiego, z Chrzanowa, z Grygowa - Liceum Ogólnokształcące, z Warszawy - siostry niepokalanki, liceum sióstr niepokalanek, z Garbatki (diecezja radomska) - parafia Matki Boskiej, ze Świdnika - parafia Chrystusa Odkupiciela, z Chełma lubelskiego - parafia Narodzenia Matki Boskiej, z Brodnicy - parafia Niepokalanego Poczęcia, z Goleniowa - parafia św. Katarzyny księży chrystusowców, pracownicy Zakładów Energetycznych w Białymstoku, Legnicy i Wałbrzychu, szkoły ekonomiczne w Wodzisławiu Śląskim, liczne grupy turystyczne i jeszcze parafia Chrystusa Pana Zbawiciela z Podgórza (archidiecezja lubelska), parafia Miłosierdzia Bożego księży marianów z Warszawy, z Buska-Zdroju - grupa emerytów oraz wszyscy pielgrzymi indywidualni z kraju i emigracji.

W najbliższy piątek jest uroczystość Najświętszego Serca Pana Jezusa, a cały miesiąc czerwiec jest temu Sercu w szczególny sposób poświęcony. U nas w Polsce jest tradycja nabożeństw czerwcowych, tak jak były nabożeństwa majowe do Matki Bożej, tak w czerwcu do Serca Pana Jezusa. Łączę się z wami serdecznie w tym miesiącu w nabożeństwie do Najświętszego Serca Pana Jezusa, które ma w Polsce długą tradycję. Niech będzie pochwalony Jezus Chrystus! Niech wam Bóg błogosławi w tych odwiedzinach Rzymu, wszystkim, zwłaszcza młodym.

A tutti i pellegrini presenti in Piazza San Pietro

Alla fine voglio salutare tutti i pellegrini e i gruppi di lingua italiana che hanno desiderato partecipare a questo incontro.

Saluto inoltre i pellegrini di altre nazioni: sloveni, slovacchi, cechi e ungheresi e gli altri pellegrini che si trovano qui a Roma.

Per tutti una Benedizione cordiale.

Dopo la recita del “Pater Noster” Giovanni Paolo II imparte la Benedizione Apostolica. Quindi aggiunge le seguenti parole.

Anche oggi fa caldo, come una settimana fa. Ora è così in giugno. Sarebbe stato meglio in Aula, ma per ora l’Aula che ci rimane è questa Piazza. Speriamo bene per il futuro.

 

© Copyright 1994 - Libreria Editrice Vaticana

 



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana