Index   Back Top Print

[ IT ]

PAOLO VI

REGINA COELI

Domenica, 23 maggio 1976

 

Noi non dobbiamo dimenticare in questo istante, quanti abbiamo la fortuna d’essere alunni della devozione mariana, che il mese di maggio è particolarmente dedicato al culto popolare verso la Madonna, e che siamo vicini alla festa di Maria Santissima, onorata come aiuto del Popolo cristiano: i Salesiani, con un loro fedele calendario, ce lo ricordano con speciale pietà e filiale fiducia.

Raccogliamo oggi noi pure, allo scorcio di questo mese primaverile, ancora fragrante di letizia pasquale, l’invito ad un pensiero religioso e quasi familiare, cordialmente rivolto a Maria, Madre di Gesù risorto, e Madre spirituale della Chiesa in via di perenne risurrezione.

Pensiero duplice perciò: a Maria, l’«ammirabile» ed unica figura teologica, evangelica e storica, ed umanissima, che veramente può celebrarsi come «piena di grazia», vero modello dell’umanità perfetta, la donna benedetta fra tutte, posta al centro dei misteri della umana redenzione. E, in secondo luogo, a Maria, l’ausiliatrice, colei che ha una incomparabile potenza di preghiera; di preghiera, che comprende con cuore materno ogni nostra necessità, ogni nostra sofferenza, ogni nostra supplica; e di preghiera poi, che ottiene con virtù profetica da Cristo quanto Ella, come madre, come associata al Suo disegno di salvezza, gli chiede.

Tutto questo è bello, è semplice, è consolante, ed è vero; e sorregge il nostro spirito a grandi pensieri, e la nostra umana fatica a grande speranza.

A Maria dunque la nostra lode; a lei la nostra invocazione.

                          



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana