Index   Back Top Print

[ IT ]

DISCORSO DI PAOLO VI AGLI ADERENTI
ALL'ASSOCIAZIONE MONDIALE
«SOROPTIMIST»

Sabato, 10 luglio 1971

 

Gentili Signore,

In occasione del Congresso Internazionale che la vostra Associazione ha organizzato in questi giorni a Roma nella ricorrenza del cinquantesimo anniversario della sua fondazione, voi avete espresso il desiderio di venire a porgerci il vostro omaggio. Noi ben volentieri abbiamo accolto la vostra richiesta, e ringraziandovi della cortese attenzione siamo lieti ora di darvi il benvenuto nella Nostra dimora.

Sappiamo che voi, pur appartenendo a varie Nazioni e a confessioni religiose differenti, siete tuttavia animate da un medesimo nobilissimo intento, quello cioè di operare, in collaborazione sincera e cordiale, per la elevazione morale e professionale della donna nella società. Avviare la donna ad una conoscenza sempre più adeguata dei problemi del mondo moderno ed aiutarla a partecipare con senso di responsabilità alla vita sociale, è quanto di più opportuno, anzi quanto di più urgente si può fare oggi per il mondo femminile, in un momento in cui la donna è chiamata a svolgere un ruolo così decisivo in seno alla comunità.

In questo la Chiesa è con voi, ed è lieta di mettere a vostra disposizione il patrimonio incomparabile della sua dottrina e della sua esperienza. Come ben sapete, essa non ha mai cessato lungo il corso dei secoli di mettere in luce la dignità della donna e di affermare la sua fondamentale uguaglianza con l’uomo, pur con le differenze dovute alla sua specifica missione. Per questo motivo recentemente nella Nostra Epistola Apostolica «Octogesima adveniens» abbiamo dichiarato che «l’evoluzione delle legislazioni deve andare nel senso della protezione della vocazione propria della donna stessa e, insieme, del riconoscimento della sua indipendenza in quanto persona, dell’uguaglianza dei suoi diritti in ordine alla partecipazione alla vita culturale, economica, sociale e politica» (N. 13).

Permettete adunque che approfittiamo di questa opportuna circostanza per esortarvi a perseguire un compito che, se è delicato e complesso, appare tuttavia di vitale importanza per un migliore assetto della convivenza civile. E possiamo assicurarvi che Noi seguiremo sempre con simpatia i vostri sforzi diretti a rendere sempre più efficace e benefica la funzione che compete oggi alla donna in seno alla società.

In questo senso formuliamo davanti a Dio voti ferventi per la piena riuscita del vostro Congresso, e di cuore invochiamo su tutte le vostre nobili iniziative, sulle vostre persone e sulle vostre famiglie l’abbondanza delle celesti benedizioni.

Nous sommes heureux de vous exprimer, avec Nos souhaits de bienvenue, Nos sincères encouragements pour votre action.

Vous voulez apporter en effet à la vie sociale les qualités de compréhension et de cœur dont notre monde a tant besoin. Aussi est-ce avec joie que Nous invoquons le Seigneur pour le plein succès de vos généreuses initiatives et que Nous implorons, pour vous-mêmes et vos familles, l’abondance des bénédictions divines.

At this moment when We have the happy occasion to extend to you our welcome and good wishes, We are pleased also to extol the dignity that is yours as women and to emphasize your role in the making of a better world.

We hope that as you pursue the worthy objectives of your association you will be strengthened by the assistance of the Lord. You have a contribution to make in so many fields; you have a challenge to meet in so many areas. With the Vatican Council We would repeat to you one of your greatest challenges: “. . . to stand guard over the destiny of our race . . . It is for you to save the peace of the world” (Message to Women).

We offer our prayers that you may be faithful to your calling, your role, your mission to humanity; and We invoke upon you all the choicest blessings of God. 

                                       



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana