Index   Back Top Print

[ EN  - ES  - IT ]

 DISCORSO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI
AL PRIMO MINISTRO DELLA GRAN BRETAGNA*

Giovedì, 4 ottobre 1972

 

Signor Primo Ministro,

siamo molto lieti di riceverla oggi e desideriamo assicurarle il nostro cordiale apprezzamento per la sua visita.

Dall’inizio del nostro Pontificato, uno dei nostri principali impegni è stato di operare per l’affermazione della giustizia e della pace. Ben sappiamo che la Gran Bretagna condivide questo ideale: che la pace possa finalmente regnare nel mondo, e che la violenza, dovunque e in qualunque forma essa si manifesti, sia respinta e condannata. La Gran Bretagna è sul punto di stringere più stretti legami con i suoi vicini europei, ai quali essa potrà offrire la sua peculiare esperienza storica e politica. Così facendo essa non soltanto favorirà la causa della fratellanza di tutti gli uomini, ma avvicinerà anche il giorno in cui la meta della pace universale e della giustizia sarà finalmente raggiunta.

Sottolineiamo con soddisfazione il ruolo svolto dalla Gran Bretagna sul piano internazionale, specialmente mediante la sua partecipazione alle organizzazioni mondiali. Possa Iddio favorire ogni iniziativa che essa intraprenderà a beneficio dei membri meno fortunati della famiglia umana.

È parimenti nostra speranza accompagnata dalla nostra preghiera che la pace nella giustizia passa essere presto instaurata nell’Irlanda del Nord, riguardo alla quale i nostri pensieri e le nostre ansie Le sono ben noti. Confidiamo che tutti gli ostacoli del problema attuale possano essere rapidamente eliminati. Estendiamo i nostri auguri a tutte le autorità che stanno sinceramente e pazientemente cercando di risolvere questo problema senza violenza ed in modo pacifico, giusto e leale.

Vorremmo chiederle di recare il nostro rispettoso saluto a Sua Maestà la regina, con l’assicurazione delle nostre preghiere, affinché Dio possa sempre assisterla e concederle ogni bene.

I nostri saluti vanno inoltre a tutto il popolo britannico, del quale fa parte una fiorente comunità cattolica. Sappiamo di poterle assicurare che i membri di quella comunità con la loro impegnata partecipazione alla vita della nazione, continueranno ad essere sempre tra i primi nel favorire ogni iniziativa per il bene comune.

Nell’esprimere ancora il nostro compiacimento per questo incontro, invochiamo su di lei, Signor Primo Ministro, e sui suoi collaboratori, l’abbondanza delle Divine benedizioni.


*OR 5.10.1972, p.1, 2.;

L’Attività della Santa Sede 1972, p.366-367.

 



© Copyright - Libreria Editrice Vaticana